Chi siamo: Sara Valla – Stefano Colombari

Sara Valla

Sara Valla

Sono subacquea, nel cuore e nell’anima… amo andare in profondità in senso fisico e metafisico. Amo le profondità dei mari che nascondono tesori come amo perdermi nel fondo di uno sguardo e andare in profondità nelle relazioni, anche lì si scoprono tesori inimmaginabili. Amo il mondo che mi circonda e gli esseri viventi che ne fanno parte, nella loro magnifica diversità e ricchezza.

Amo gli squali, ecco perchè andiamo in cerca di questi magnifici animali, fondamentali per la sopravvivenza dell’intero ecosistema, non solo marino ma anche terrestre. E quando possiamo cerchiamo modi per tutelarli, anche grazie alla conoscenza: conoscere porta a non avere timore. Amo leggere la meraviglia negli occhi delle persone che mettono la testa sotto la superficie, ed è per questo che sono diventata, tanti anni fa, istruttore subacqueo.

Mi piace aiutare gli studenti ad apprendere meglio e i docenti a insegnare meglio, con o senza le tecnologie; anche questo è il mio lavoro all’Università di Parma. Mi piace lavorare con e per gli studenti: da loro imparo tanto ogni giorno. Mia nipote mi dice spesso “zia, sento che tu hai fiducia in noi ragazzi e ora anche che desideri farci sorridere“. E’ proprio così… le persone che sorridono e ridono insieme lavorano e studiano meglio; la collaborazione è più forte ed efficace della competizione e dalla serenità spuntano innovazione e ottime idee. Abbiamo fortemente voluto un club della risata in Università, per chi lavora e studia lì.

Amo i libri, siano essi di carta o digitali non importa, perché oltre la scorza della forma in cui scelgo di leggerli ci sono storie e avventure dalle quali farsi ispirare. È lo stesso motivo per cui adoro viaggiare e ho voluto imparare alcune lingue per comunicare… ascoltare storie, conoscere le persone, scoprire come è possibile imparare tanto da ogni persona che si incontra lungo il cammino. Quando viaggio mi piace fermare alcuni istanti e alcuni sguardi in immagini nella mia mente e con la mia macchina fotografica: quelle immagini resteranno nel tempo a ritrasmettermi le emozioni del momento. Ora mi occupo di organizzare viaggi a tema, viaggi di scoperta o ricerca, anche di se stessi, sopra e sotto il mare.

Sono curiosa, scopro ogni giorno quanto c’è nel mondo da conoscere e esplorare, quante domande interessanti da porsi… Non vorrei smettere mai di imparare, riconosco quante cose non so, quante non ne so fare e questo è uno stimolo ad andare avanti con entusiasmo.

Sono la prova che è vero quello che dice il Dr. Madan Kataria: ” Quando ridi cambi e quando cambi il mondo cambia con te”.

Un giorno la mia cara amica Alessandra mi ha parlato di Richard Romagnoli e la mia vita è cambiata dopo aver partecipato a un suo “workshock“; da quando ho cercato le origini del segreto della risata ho notato finalmente che la mia risata squillante è contagiosa e gioiosa, non fastidiosa come pensavo prima. E’ parte di me e del mio essere. Esercitarla ogni giorno, da sola e in compagnia, è un valore aggiunto nella mia vita, mi consente di affrontare le situazioni con un approccio costruttivo anche nelle difficoltà.

Lo stress ci può distruggere fisicamente e psicologicamente, ma possiamo agire e rompere il suo circolo vizioso prima che diventi una malattia. Come lo facciamo? Decidendo di fare qualcosa di importante per noi stessi.

Desidero che anche altri abbiano la possibilità di cambiare  grazie alla laughter therapy (Yoga della Risata), per cui ho pensato di cercare di fare qualcosa subito…sono, insieme a Stefano Colombari, uno dei promotori del Club della risata CSU Centro Sociale Universitario all’Università di Parma.

Sono Trainer Internazionale di Laughter Therapy / Laughter Yoga (il mio Master è Richard Romagnoli) , Coach di Gibberish e Art of Nonsense e sono abilitata alla tecnica del C.A.T.C.H. ©

Stefano Colombari

Stefano Colombari

Sono nato il giorno di capodanno del 1965, nella nebbiosa Ferrara, mentre ancora la gente festeggiava l’arrivo dell’anno nuovo gettando coriandoli in strada (allora non si usavano i petardi)…

Mio nonno, un Angelo di nome e nell’animo, mi ha trasmesso, fin da piccolo, la curiosità per la natura e per gli animali.
Le mie estati di bambino le ho trascorse a giocare a nascondino immerso nel profumo dei prati dell’altipiano di Asiago, con le ginocchia eternamente sbucciate per le interminabili partite di pallone: gioia pura e spensieratezza.

Le estati di timido adolescente le ho trascorse camminando coi miei genitori su e giù per sentieri di montagna, iniziando a sperimentare le bellezze e le meraviglie, ma anche le fatiche e il sudore, lungo i percorsi della vita.

Dopo essermi diplomato ragioniere ho iniziato a lavorare come impiegato in uno studio notarile, occupazione che sto svolgendo tuttora con mansioni diversificate. Il mio lavoro mi ha insegnato l’attenzione per l’organizzazione e i dettagli e mi ha trasmesso la passione per la storia, unica, di ogni persona.

Sino al 1990 non sapevo nuotare… ho fatto un corso in piscina per imparare, un desiderio che coltivavo sin da piccolo. Dopo altri corsi di acquaticità seguiti negli inverni successivi , nel 1995 ho realizzato un grande sogno: il brevetto subacqueo e il mio primo viaggio in Mar Rosso. Sono affascinato dal mare e dai suoi abitanti e così, dopo essere diventato guida subacquea, nel 1998 sono tornato in Mar Rosso. Lì, durante un’immersione sott’acqua ho incontrato un gruppo di delfini e, in mezzo a loro, una splendida ragazza, Sara, che è poi diventata mia moglie.
Nel 1999 io e Sara siamo diventati istruttori subacquei insieme. Da allora condividiamo la passione per il mare e le sue creature e insieme abbiamo fatto più di 1000 immersioni in giro per il mondo.

Oggi collaboro con un’imbarcazione che lavora nel mar rosso sudanese occupandomi di organizzazione delle crociere e consulenza turistica online per subacquei soprattutto stranieri; inoltre, ci occupiamo dell’organizzazione di crociere scientifiche che studiano il grado di conservazione delle specie marine per favorire la loro salvaguardia.

Adoro poter osservare gli animali liberi in natura – non solo quelli marini – e recentemente ho avuto la fortuna di vedere le balene in Sudafrica e i big five in Botswana. Mi piace la fotografia, che ho anche praticato sotto la superficie dell’acqua. Amo lo sport e gli insegnamenti di vita che lo sport sa dare.

Sono un lettore appassionato e concludo spesso le mie giornate rapito fra le pagine di un libro.

So di essere un uomo fortunato. Da quasi 18 anni ho il dono dell’amore di una donna meravigliosa accanto a me, con la quale condivido le passioni e gli interessi più importanti: ultimo in ordine di tempo (ma non certamente in ordine di importanza), quello di essere diventati insieme trainer di yoga della risata.

La consapevolezza dell’importanza della risata e di un atteggiamento positivo mi hanno permesso di intraprendere un nuovo percorso di consapevolezza e di crescita sia personale che professionale, che mi sta offrendo la possibilità di fare qualcosa per gli altri.

Sono Trainer Internazionale di Laughter Therapy / Laughter Yoga (il mio Master è Richard Romagnoli) , Coach di Gibberish e Art of Nonsense e sono abilitato alla tecnica del C.A.T.C.H. ©

Sono, insieme a Sara Valla, uno dei promotori del Club della risata CSU Centro Sociale Universitario all’Università di Parma.